DSCN4358

Imparare ad osservare
Chi alleva conosce bene i propri animali, chi ha tempo di osservarli li conosce a fondo, è molto importante controllare i nostri uccelli tutti i giorni.
Alcuni comportamenti possono allertarci su possibili patologie in corso, come gli esseri umani anche gli animali se non si sentono bene manifestano apatia e stato fisico debilitato, non si deve mai sottovalutare possibili problemi perché se non si interviene in tempo spesso risulta troppo tardi, negli uccelli perdere peso velocemente è del tutto normale e se l’organismo si debilita troppo è impossibile ripristinare le energie perse.
Vediamo quali sono le prime avvisaglie :
Piumaggio arruffato, questo particolare è forse il primo comportamento che possiamo vedere, l’ uccello arruffa le piume per non disperdere calore, spesso è causato dalla febbre, sintomo di malessere.
Occhi socchiusi: il malessere aumenta, associato all’ arruffamento è indice di febbre alta.
Ali cadenti: le energie si abbassano, lo stress causato dal problema in corso debilita notevolmente l’ animale, bisogna non perdere altro tempo prezioso.
Dormire con la testa sotto l’ala: se l’ animale tiene questo comportamento, il problema è ormai grave, dormire di giorno per un essere che dovrebbe giocare e cercare cibo è sinonimo di grande pericolo per la sua salute.
Questi sono i principali sintomi per cui ci si deve preoccupare, prima si interviene e meglio è, ricordatevi sempre che se notiamo anche minimamente uno di questi sintomi non si deve perdere tempo.

calo
Esaminare subito il soggetto, controllare il suo peso, non deve mancare carne sul petto, la magrezza dello sterno può essere causata da parassiti intestinali, da cibo avariato, da mancanza di vitamine e proteine nell’ alimentazione base, da insufficiente alimentazione causata da sovraffollamento o da impossibilità di alimentarsi.
Piume sporche attorno la cloaca: è sintomo di infezione batterica, spesso è associata a cattivo odore, pungente e molto fastidioso, anche le feci sul fondo della gabbia non sono normali, di colore verdastro o bianco, ci si accorge anche prima che l’ animale manifesti i sintomi descritti.
Piumaggio scomposto o rovinato: se non è causato da posture scorrette causate dallo sfregamento contro la rete, non si deve pensare ad una muta anomala, potrebbe trattarsi di malattia del becco e delle penne, anche se i pappagalli possono perdere qualche piuma durante tutto l’anno, il loro piumaggio deve sempre risultare aderente e lucido.
Segue …….

DSCN4296

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.