le erbe officinali

DSCN0038

Le piante aromatiche officinali
Si considerano piante aromatiche tutte quelle erbe che comunemente si coltivano in orto e giardino e che sono usate in cucina come aromatizzanti per molteplici ricette.
Le erbe aromatiche contengono alcune sostanze molto importanti per le funzioni digestive e difensive dell’ organismo, il loro gradevole profumo le vedono impiegate in erboristeria e cosmesi, prolungano la conservazione dei cibi, sono ricche di oli essenziali con proprietà antiossidanti e antitumorali, sono impiegate nella produzione di unguenti, liquori e farmaci naturali.
Meno conosciute in campo zootecnico, sono ultimamente rivalutate per queste loro importanti proprietà.
Sono gradite a molte specie di uccelli, si possono fornire in rametti oppure tritate finemente ed aggiunte al pastoncino o ai semi .Tra le più conosciute troviamo :
il rosmarino Rosmarinus officinalis, ricco di calcio, ferro, magnesio, retinolo ed acido ascorbico, le sue principali proprietà sono digestive e disintossicanti, decongestionante delle vie respiratorie.
Il Timo Thimus vulgaris, questa pianta conosciuta fin dagli antichi per le proprietà antibiotiche, antibatteriche, antisettiche e balsamiche , contiene principalmente Timolo, da cui il nome, questo importante fenolo ne caratterizza il forte profumo.
L’ origano Origanum vulgare contiene calcio, ferro, magnesio, retinolo, acido ascorbico, sodio e potassio, le sue proprietà : antibiotico, antisettico, antispasmodico, antinfiammatorio, analgesico, antielmintico, antibatterico e antifungino, una pianta che da sola cura le principali cause di infezioni che colpiscono i nostri uccelli.
Queste sono solo alcune tra le principali piante da usare per dare l’ esempio, ma potrete trovare le proprietà e la loro applicazione cercando in rete.
Vi elenco quelle che uso normalmente oltre a quelle sopra citate : basilico, menta, melissa, borraggine, salvia, erba cipollina, oltre a queste piante considerate officinali, uso altre erbe importantissime come : ortica, finocchietto selvatico, sedano, cipolla, erba medica.
Normalmente uso queste erbe in fase di crescita dei nidiacei, alternando le varie piante ed erbe usandone due o tre tipi alla volta, l’ uso delle officinali deve essere saltuario per le loro grandi proprietà, gli oli essenziali che contengono sono tossici se usati in grande quantità.
Le dosi giornaliere sono moderate, basta calcolare un cucchiaino di erbe miste tritate a coppia.
Le ortiche si raccolgono alla sera e si lasciano appassire tutta la notte, poi si possono tritare finemente ed aggiungerle ai semi ammollati o al pastoncino, le piante come il finocchietto e l’ erba cipollina invece è meglio lasciarle a pezzetti perché le gradiscono maggiormente.DSCN0039
L’ uso delle officinali garantisce un’ apporto costante di sostanze utilissime a mantenere i soggetti in perfetta forma fisica, piumaggi brillanti , ma soprattutto organismi perfetti.

testo e foto Casagrande Attilio

bibliografia da : Wikipedia enciclopedia libera

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *