La frutta

 

 

DSCN9111
È tempo di frutta e la grande maggioranza dei pappagalli la gradiscono molto, ma quale frutta dare ?
La mela è senza dubbio molto apprezzata, ma essendo costituita per quasi la totalità di acqua è un alimento per lo più dissetante, ottima come nutrimento durante gli spostamenti, basta inserirla dentro i trasportino per garantire cibo ed acqua allo stesso tempo.
Le mele selvatiche, azzeruoli e simili e comunque le varietà spontanee sono più gradite rispetto a quelle che si trovano nei negozi, queste ultime sono più ricche di zucchero ed ai pappagalli piacciono quelle più asprigne e possibilmente fresche, appena raccolte.
Le susine e tutte le varietà di prunus, vengono mangiate se sono leggermente crude, ottima fonte di potassio e sali minerali, anche quelle selvatiche come il mirabolano e simili vengono mangiate, spesso si divertono a romperle per cercare l’ osso interno.
Le pesche, non sono molto apprezzate dalle specie granivore, i pappagalli come i caicchi o simili invece le adorano, sarebbe un ottimo alimento in quanto ricco di sostanze utili all’ organismo.
Nashi e pere, vengono consumati solo se ancora acerbi, una volta maturi spesso non vengono mangiati se non da quelle specie frugivore e nettarivore.
More e bacche, ottima fonte di vitamine e Sali minerali, anche se molte specie le ignorano, le amazzoni si divertono a cercarne i semi all’ interno, le mangiano quando sono dolci e succose.
Corniole, questa bacca che matura verso Agosto è molto gradita, assieme alla rosa canina contiene molta vitamina C, ne mangiano anche i semi al suo interno.
Giuggiole, maturano tra Settembre ed Ottobre, sono mangiate solo quando cominciano a cambiare colore, in questa fase sono croccanti ed il loro sapore è simile alla mela.
Fichi, il loro sapore dolce è senza dubbio gradito a tutte le specie frugivore, i semini interni stimolano anche i grandi pappagalli a cibarsene, spesso sono le specie Africane a gradirli maggiormente, ma anche le Sud Americane ne vanno ghiotte.
Molti pappagalli non mangiano frutta, questa cattiva abitudine li porta a scompensi alimentari, nella dieta dei pappagalli non dovrebbe mai mancare, bisogna insistere e provare fino a quando si trova quella che la accettano, in natura è sicuramente una parte molto importante nella loro alimentazione.

DSCN8643

 

 

 

 

 

 

 

 

testo e foto Casagrande Attilio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *